INFO
GIO 18/07
MER 15/08
14-18/08
GIO 29/08
VEN 30/08
SAB 31/08
  • SCENARIO MONTAGNA 2019 15a EDIZIONE


    Nato nell’ormai lontano - e, diremmo, “preolimpico” - 2005, SCENARIO MONTAGNA arriva nel 2019 alla sua 15a edizione. Pur se molta acqua è passata sotto i ponti, e centinaia di artisti, nazionali ed internazionali, sono passati sui palchi e tra le montagne dell’Alta Val di Susa, la filosofia di base di SCENARIO MONTAGNA resta la stessa: un percorso che lega luoghi, artisti ed eventi disegnando un abito su misura per il territorio che lo ospita. Quest’anno lo abbiamo diviso in tre tappe: si parte dal Forte di Exilles con un grande spettacolo di Michele Placido, dopodichè si  sale via via fino agli oltre 2.000 metri di Sportinia. La terza tappa ridiscende verso Bardonecchia, per riposare sulle note dell’arpa celtica e bretone, contaminate dai suoni delle nostre Valli.


    Direzione artistica: Roberto Beccaria e Katia Zunino Produzione: Pietro Lesca Comunicazione e marketing: Savio Musicco e Federica Cosentino  INFO: 334.6708133     011.0361960 www.scenariomontagna.it www.bardonecchiarp.eu

  • 18 LUGLIO: SERATA D'ONORE

    FORTE DI EXILLES (TO) ORE 21:00

    MICHELE PLACIDO PORTA IN SCENA “SERATA D'ONORE

     Ingresso Euro 5.00 - Biglietti disponibili presso il Forte di Exilles

    "Serata d'onore"

    Un recital che vuole essere un racconto, un dialogo tra artista e spettatori. Michele Placido interpreta poesie e monologhi di grandi personaggi come Dante, Neruda, Montale, D’Annunzio e non mancano i versi dei più importanti poeti e scrittori napoletani. La musica di accompagnamento (con Gialuigi Esposito, voce e chitarra, Susy Mennella, voce e Antonio Saturno, chitarra e mandolino) prederà per mano lo spettatore per condurlo tra le più belle pagine della poesia e del teatro. * Spettacolo in coproduzione con BORGATE DAL VIVO

  • 15 AGOSTO SPORTINIA (SAUZE D’OULX) ORE 11.00

    GRANDE CONCERTO DI FERRAGOSTO DELL’UNIONE DEI COMUNI OLIMPICI DELLA VIA LATTEA 

    NOEMI IN CONCERTO

    Ingresso libero

    BLUES & LOVE SUMMER TOUR 2019

    Ritorna NOEMI in una veste nuova, con un omaggio alla black music. Un tour estivo pieno di sorprese in cui la cantautrice romana, oltre a riproporre i suoi brani più celebri in chiave blues, spaziando dal funky al reggae, interpreterà le cover dei più grandi artisti internazionali che hanno influenzato la sua carriera.

     “La black music è il mio primo amore” - dichiara Noemi  - “Per questo motivo nell’estate 2019 ho intenzione di attraversare l’Italia con un progetto live completamente nuovo dove mi misurerò cantando canzoni del repertorio blues, funky e reggae. Immancabili pezzi di Janis Joplin, Wilson Piquet, Marvin Gay, James Brown, Amy Winehouse, Bob Marley, Stevie Wonder e tanti altri che hanno avuto un importantissimo ruolo nei miei ascolti e nella formazione del mio gusto musicale. Ovviamente in scaletta inserirò anche i pezzi più famosi del mio repertorio riarrangiati in chiave blues”.

    facebook.com/noemiofficial/ www.instagram.com/noemiofficial twitter.com/noemiofficial

     

     

     

     

  • 14-18 AGOSTO: BARDONECCHIARP FESTIVAL

    BardonecchiArp Festival propone una Masterclass con i migliori Artisti, docenti e performer europei per chi desidera imparare a suonare l’arpa celtica, o già la suona e vuole perfezionarsi. Dal livello “Beginner” a quello “Avanzato”: tutte le informazioni su www.bardonecchiarp.eu


    14 AGOSTO

    BARDONECCHIA, PALAZZO DELLE FESTE -  ORE 18:30

    KATIA ZUNINO E ANDREA COGERINO

    Biglietti e prenotazioni presso Info Point del Festival - Ufficio del Turismo di Bardonecchia

    Applaudita performer, docente e ricercatrice, Katia Zunino sorprende continuamente portando l’arpa verso territori artistici inesplorati. Protagonista di concerti nei più prestigiosi teatri italiani (Teatro Regio Torino, Carlo Felice di Genova, Teatro alla Scala e il Teatro Filodrammatici di Milano, Mole Vanvitelliana di Ancona, Rocca Costanza di Pesaro...), e nelle più importanti rassegne e festival in Italia e all’Estero (Svizzera, Francia, Irlanda, Germania, Scozia).

     

     

     

     

     

    15 AGOSTO

    BARDONECCHIA, PALAZZO DELLE FESTE - ORE 21:00

    VINCENZO ZITELLO

    Biglietti e prenotazioni presso Info Point del Festival - Ufficio del Turismo di Bardonecchia

    Compositore, Polistrumentista, Concertista tra i più importanti arpisti al mondo, e primo pioniere dell’Arpa Celtica in Italia, inizia i suoi studi musicali come Violinista, Violista e Flau

    La musica di Vincenzo Zitello segue un preciso orientamento di ricerca che mira ad esaltare le insospettabili potenzialità che dimorano tra le corde delle sue arpe. In concerto ne utilizza due, che vengono suonate in alternanza, l’arpa Celtica e l’arpa Clarsach , due strumenti della tradizione Gaelica con caratteristiche sonore ed espressive differenti. Il concerto dal titolo “ANIMA MUNDI”, si svolge attraverso un percorso dotato di poetica autonomia e di matura sintesi espressiva e si svolge coinvolgente, in un crescendo fatto di lirismi, evocazioni,tista in giovanissima età, la sua formazione è stata di tipo classico, che ha progressivamente ampliato, attraverso un articolato percorso artistico che lo ha portato ad approfondire diversi linguaggi e stili musicali, per poi ottenerne un risultato espressivo e personale che afferma una nuova e inconfondibile personale identità musicale.

     

     

     

    16 AGOSTO

    BARDONECCHIA, ALVEARE - ORE 21:00

    TATIANA DORIS

    Biglietti e prenotazioni presso Info Point del Festival - Ufficio del Turismo di Bardonecchia

    Grazie alla sua passione per la musica tradizionale irlandese nel 2003 fonda il gruppo Girotondo d'Arpe del quale cura la preparazione e gli arrangiamenti. Girotondo d'Arpe, con il quale si esibisce fino al 2015 nei più importanti festival nazionali ed internazionali, per ben due volte consegue il primo premio assoluto al concorso O'Carolan che si svolge a Nobber in Irlanda.  Incide negli anni una decina di cd insieme ad artisti internazionali quali Vincenzo Zitello, Dearbhail Finnegan, Grainne Hambly dedicati principalmente al repertorio folk irlandese. Ha al suo attivo inoltre pubblicazioni per le case editrici Pizzicato ed Ut Orpheus. Attualmente continua la sua attività didattica e di concertista, soprattutto in duo con il violinista Elia Vigolo con il quale ha inciso 'Le Stagioni del Tango' interamente dedicato ad A. Piazzolla e 'Carolan's Delight' , raffinato excursus tra i brani più suggestivi del bardo irlandese T. O'Carolan.

     

    17 AGOSTO

    SALBERTRAND, CAPPELLA DELL'ANNUNZIATA - ORE 16:30

    KATIA ZUNINO PORTA IN SCENA "VIE"

    Biglietti e prenotazioni presso Info Point del Festival - Ufficio del Turismo di Bardonecchia

    “VIE”

    Cos’è un viaggio? Partire alla scoperta di qualcosa di insolito, esotico, che ancora non ci appartiene. Paesaggi, culture lontane, differenti e poi suoni, odori, sapori mai provati prima. Il viaggio è uno scambio tra ciò che portiamo e quello che raccogliamo man mano, dove speriamo di trovare pezzi di noi...  Si parte sempre per cercare qualcosa... questo è Vie: partire, ascoltare e tornare diversi.“VIE” è un viaggio ideale sulle antiche rotte commerciali: la Via del Sale, della Seta, delle Spezie, dell'Incenso, dell'Ambra...
    Itinerari da tracciare, Vie di scambio e di contatto tra genti lontane e luoghi dell'anima alla ricerca di sonorità che possano unire l’Oriente all’Occidente.
    Note d'Arpa  e di Percussioni condividono storie fantastiche e leggende tradizionali raccolte di paese in paese insieme ai mercanti, nelle sere stellate sulle navi e di giorno sui lunghi e polverosi sentieri terrestri...

    17 AGOSTO

    BARDONECCHIA,  PALAZZO DELLE FESTE ORE 21:00

    LINCOLN ALMADA

    Biglietti e prenotazioni presso Info Point del Festival - Ufficio del Turismo di Bardonecchia 

    Lincoln Almada é nato in Paraguay. Inizia a suonare giovanissimo in diverse formazioni dedicandosi alla musica tradizionale dell’arpa. Arpista di fama mondiale riesce a fondere diverse tecniche elaborando un suo stile personale unendo ritmi della regione Guaranì (Paraguay e litorale argentino) con la musica colombiana e venezuelana, ritmiche afro-latinoamericane tra Cuba e Perú. La sua attività concertistica internazionale si fonde a numerosi corsi: in Italia presso il Conservatorio di Napoli, il Conservatorio di Pesaro, il Conservatorio di Vibo Valentia, la scuola Suoni d’arpa di Salsomaggiore, il Festival internazionale d’arpa di Viggiano, scuola di Musica di Fiesole; in Svizzera presso la Schola Cantorum Basiliensis; in Francia al Rencontres Internationales de Harpes Dinan, Centre occitan des musiques traditionelles Toulouse; in Belgio al Harpe Diem Leuven. per BardonechiArp proporra improvvisazione e interpretazione dei ritmi e delle tecniche dell’arpa latinoamericana.

     

    18 AGOSTO

    BARDONECCHIA, BAR DI PALAZZO DELLE FESTE  ORE 11:00

    BRUNCHARP

     

    BARDONECCHIA,  PALAZZO DELLE FESTE  ORE 12:00

    CONCERTO FINALE

    Ingresso libero

    Gli Artisti e gli Allievi della Masterclass. Tutti insieme per il Concerto Finale.  

     

    BARDONECCHIA, PALAZZO DELLE FESTE  ORE 16:30

    CONCERTO KAMAR: "Le vie del sale e della seta" con Eliana Zunino, Katia Zunino e Ariele Cartocci


     

    SCENARIO MONTAGNA

    Direzione Artistica: Roberto Beccaria e Katia Zunino

    Assistente di produzione: Pietro Lesca

    Marketing e Comunicazione: Savio Musicco e Federica Cosentino

    INFO: 334.6708133     011.0361960

    www.scenariomontagna.it

    www.bardonecchiarp.eu

    Con il contributo di

    REGIONE PIEMONTE  COMUNE DI SAUZE D’OULX  UNIONE DEI COMUNI OLIMPICI DELLA VIA LATTEA COMUNE DI BARDONECCHIA

     

    Supporto e informazioni turistiche

    TURISMO TORINO E PROVINCIA

     

    Partner tecnici

    ARPAMANETTA

    TECNOSERVICE TORINO

     

    Partner comunicazione

    COMUNICOGROUP

     
  • 29 AGOSTO: FILO - FILO'

    ARENA DI VENAUS (TO) - ORE 21:00

    MARCO PAOLINI PORTA IN SCENA FILO - FILO'

    "Filo -Filò", di e con Marco Paolini. Giovedì 29 agosto, ore 21.00. Arena di Venaus, Borgata VIII dicembre (TO)
     
    Biglietti in prevendita QUI
     
    Filo Filò. Una forma magra di teatro, senza scena e senza personaggi, non una storia ma un filo di storie tenuto insieme con mestiere (quel che basta) e necessità (quella non manca). Era filò nel Veneto “una veglia contadina nelle stalle durante l’inverno ma anche interminabile discorso che serve a far passare del tempo... e niente altro”, così diceva Andrea Zanzotto. Un passatempo, non uno spettacolo quindi.Un racconto dialogante nelle intenzioni di chi lo propone oggi a teatro, un invito agli spettatori a far filò insieme.La globalizzazione, Internet, l’intelligenza artificiale, la bíoingegneria producono accelerazione e discontinuità che danno eccitazione e disorientamento, stupore e nuove abitudini. Le nuove applicazioni hanno bisogno di acceleratori, di incubatori di idee. Allora il filò a teatro serve a rallentare il flusso, a unire i puntini del disegno attraverso la forza dell’oralità. L’oralità che fa da bussola, che smaschera i termini difficili (smontandone la forma e i tecnicismi) per renderli narrabili.Filo filò dunque.Filo di parole per tessere domande utili e cercare la strada per rispondere.Filo da perdere ogni tanto per passatempo, ma da ritrovare per far filò.Filo di lana che lega i discorsi per farli diventare storie che passino di bocca in bocca, di sera in sera, anche per non perdere il filo del presente e per provare a costruire un futuro condivisibile come chiedono con forza le nuove generazioni agli adulti.E non solo per il clima ma anche per l’aria che tira su tutto il resto.Nota Per chi volesse sapere gli argomenti possibili del filò: si potrebbe parlare di strade romane, dell’algoritmo della felicità e della miseria, del ritorno del selvatico e dell’agricoltura di città, della fotografia degli antenati, di bío e nano tecnologie, di zia Adenina e zia Timina, del Tamagotchi, di cosa fanno gli hackers, delle macchine intelligenti, della casa veccia e della casa nova, del lavoro che conviene fare, del telepass, dello studio che non conviene fare, di quel che vale e di quello che varrà ancora, delle reti, delle bottiglie, di fossili e rinnovabili, dell’orologio Wagner e di aggiornamenti, del Papa, e volendo anche di termodinamica e dell’Italia.”
     
     Evento realizzato in collaborazione con Borgate dal Vivo.
  • 30 AGOSTO: NADA IN CONCERTO

    ARENA DI VENAUS (TO) ORE 21:00

    NADA IN CONCERTO

    Sul palco dell'Arena di Venaus (TO), in Borgata VIII dicembre, si esibirà Nada Malanima, in tour con il suo disco "È un momento difficile, tesoro" (Woodworm Label / distr. Artist First).

    Biglietti in prevendita QUI

    Il nuovo lavoro discografico vede il ritorno alla produzione di John Parish (già produttore di PJ Harvey, Eels, Giant Sand, Afterhours ed altri), che torna al fianco di Nada dopo lo splendido lavoro fatto nell’album “Tutto l’amore che mi manca” (2004)."Ho sempre provato attraverso i miei dischi e i miei libri a cercare di raccontare quello che sento e avverto, sia dentro che fuori di me. È esattamente da questa disposizione d’animo che è nato “È un momento difficile, tesoro”. “È un momento difficile, tesoro”, un’espressione che esprime un malessere ma mi fa sorridere, è sicuramente appropriata a questo disco, al mio sentire, al mio chiedermi se con queste canzoni sono effettivamente riuscita a descrivere bene frammenti di vita e stati d’animo, tanto da riuscire a sintetizzare in un'unica idea le emozioni e i pensieri che in questo ultimo periodo mi hanno profondamente coinvolta. “È un momento difficile, tesoro”, dieci canzoni nate negli abissi del mio nero profondo, per poi misteriosamente raggiungere i colori e la leggerezza del pensiero, finalmente libero di andare dove portano sentimento e ragione che si uniscono per diventare tutt’uno. Anema e core, avrebbe detto il mio grande amico Fausto Mesolella, a cui dedico le parole di questa opera" (Nada). 

    Evento realizzato in collaborazione con Borgate dal Vivo.

  • 31 AGOSTO: GIO EVAN IN CONCERTO

    ARENA DI VENAUS (TO) ORE 21:00

    GIO EVAN IN CONCERTO

    Scrittore, cantautore, umorista, Gio Evan torna alla dimensione live, dopo la pubblicazione del singolo “Himalaya Cocktail” e del suo ultimo romanzo “Cento Cuori Dentro” [Fabbri Editori].
     
    Biglietti in prevendita QUI
    Posto unico non numerato 10,00€ + diritti di prevendita Meet&Greet esclusivo con l'artista 20,00€ + diritti di prevendita.
     
    Accompagnato da una superband di 5 elementi, Gio Evan porterà sul palco le sue doti di autore e musicista che fanno di lui un artista unico nel panorama italiano. “Parlerò di presunzione e autostima, come e quando riconoscerli, dell'importanza di riconoscere la bellezza che si fa. Parlerò di quanto sia importante e sacro ritornare a giocare, di come il gioco sia la cosa più seria rimasta da fare. Parlerò di acrobazie e di acrobati in un mondo che ha dimenticato come si fanno i salti mortali”.
    Evento realizzato in collaborazione con Borgate dal Vivo.

     


GLI SCENARI


 


SAUZE D’OULX

SAUZE D’OULX

"NOEMI IN CONCERTO", 15 AGOSTO

Sauze d’Oulx, ai suoi 1508 metri sul livello del mare è il “balcone delle Alpi”. Punto di partenza per affascinanti escursioni nella natura, è anche un pezzo di storia di "archeologia del turismo": la Colonia FIAT attiva dagli anni '30 agli anni '80 del XX secolo trasformò completamente il paese, dando inizio alla sua vocazione turistica.

SPORTINIA

SPORTINIA

NOEMI, 15 AGOSTO

Sportinia, ovvero dove è nato lo sci in Italia. In estate: un’oasi di natura, un balcone sulle Alpi, punto di partenza e di arrivo per affascinanti passeggiate ed escursioni.
Sportinia è raggiungibile da Sauze d’Oulx in auto, in seggiovia o a piedi: queste ultime due saranno, il giorno del concerto, decisamente preferibili.

BARDONECCHIA

BARDONECCHIA

BARDONECCHIARP FESTIVAL, 14-18 AGOSTO

Bardonecchia, la "Perla delle Alpi": un luogo in cui convivono natura, storia, cultura. Verso la sua ampia conca convergono quattro valli, con i loro quattro torrenti. Da qui è passata - letteralmente - la storia d'Italia: il Traforo ferroviario del Frejus fu una delle opere ingegneristiche più importanti e rivoluzionarie di tutto il XIX secolo.

SALBERTRAND

SALBERTRAND

KATIA ZUNINO - 17 AGOSTO

L'Area Protetta del Parco naturale del Gran Bosco di Salbertrand si estende sulla destra orografica della Val di Susa, dai 1000 metri slm ai 2700 dello spartiacque.
Sia la flora (con oltre 600 specie vegetali censite) che la fauna (con circa 80 specie di uccelli nidificanti, e 21 specie di mammiferi) sono ricchissime. A ciò si aggiunge l’Ecomuseo Colombano Romean. Non è un museo nel senso convenzionale del termine un museo diffuso sull’ambiente globale. Si snoda lungo un itinerario ad anello tra il paese di Salbertrand e il Parco del Gran Bosco, dove antichi edifici, manufatti ed attrezzi in uso nella vita quotidiana raccontano secoli di storia.

FORTE DI EXILLES

FORTE DI EXILLES

MICHELE PLACISO - 18 LUGLIO

Il Forte di Exilles esempio dell’architettura fortificata francese e sabauda, è in primo luogo museo di se stesso: offre al pubblico due aree museali permanenti, una mostra sulle Olimpiadi Torino 2006 e due percorsi di visita caratterizzati da allestimenti scenici di Richi Ferrero.

VENAUS

VENAUS

PAOLINI - 29/08 NADA - 30/08 GIO EVAN - 31/08

Venaus sorge all’imbocco della Valle Cenischia lungo il principale asse viario che conduceva al Moncenisio e la sua storia seguì quelle di molti altri paesi della Valle di Susa in particolare per la presenza dell’Abbazia di Novalesa: dal passaggio di corti papali, eserciti e sovrani e infine i conti di Moriana ovvero i Savoia. Lo stile è neoromanico-gotico, mentre della chiesa romanica precedente si conservano il campanile, un muro incorporato tra la navatella sinistra e la navata centrale con affreschi del XVI sec. l’altare del SS.Sacramento, il gruppo scultore del Calvario è opera dell’intagliato Jean Clappier di Bessan (XV sec.).

Partners

Partners