INFO
SAB 12/08
DOM 13/08
MAR 15/08
GIO 17/08
VEN 18/08
SAB 19/08
  • SCENARIO MONTAGNA 2017
    13a EDIZIONE

     

     


    Nato nell’ormai lontano - e, diremmo, “preolimpico” - 2005, SCENARIO MONTAGNA arriva nel 2017 alla sua 13a edizione.

    Pur se molta acqua è passata sotto i ponti, e centinaia di artisti, nazionali ed internazionali, sono passati sui palchi e tra le montagne dell’Alta Val di Susa, la filosofia di base di SCENARIO MONTAGNA resta la stessa: un percorso che lega luoghi, artisti ed eventi disegnando un abito su misura per il territorio che lo ospita.
    Così capita, ad esempio, che un bosco diventi palco, sipario e platea di un insolito concerto dedicato alla Natura. O che grandi nomi della musica italiana si prestino di buon grado a ferragostani concerti mattutini a 2.000 metri di quota.
    Il Gran Bosco di Salbertrand e Sauze d’Oulx ed il suo territorio saranno protagonisti e scenario della prima parte del Festival, dal 12 al 15 agosto; il viaggio proseguirà poi dal 16 al 20 agosto a Bardonecchia.
    Il programma del Festival vedrà come sempre impegnati grandi nomi nazionali (Roberto Vecchioni), raffinati artisti del jazz e della fusion (Dino Pelissero, Nunzio Barbieri), performer di livello europeo e mondiale (Arianna Savall, Petter Udland Johansen, Dimitri Boekhoorn), strumentisti apprezzati in Italia e all’Estero (Katia Zunino).
    Tutti gli eventi sono gratuiti.


    Direzione artistica: Roberto Beccaria

    Comunicazione e marketing: Roberto Rosati

    Segreteria organizzativa: Laura Baudino e Stefania Faccia

    INFO: 334.6708133     011.0361960

    www.scenariomontagna.it

    www.bardonecchiarp.eu

  • 12 AGOSTO

    GRAN BOSCO DI SALBERTRAND - LOCALITA’ PINEA (SALBERTRAND)

    ORE 16.30

    "MUSIC IN THE WOODS": IRISH COFFEES TRIO

    Un omaggio al rapporto tra Musica e Natura, che da sempre informa le scelte artistiche del Festival, collocato all’interno di uno dei luoghi più “naturali” che la Valle di Susa offra: il Gran Bosco di Salbertrand. Scenario unico per protezione, tutela e divulgazione della biodiversità e della cultura materiale della montagna, il Gran Bosco offre angoli di grande bellezza che - insieme - raccontano la storia di una comunità e del suo rapporto con il territorio.

    Nello grande prato della Pinea toccherà al THE IRISH COFFEES TRIO aprire “Scenario Montagna” con un concerto interamente dedicato al rapporto tra Musica & Natura.

    Elisabetta Bosio, laureata in Violino presso il Conservatorio “G.Verdi” di Torino, violinista e contrabbasista (tra gli altri con Federico Sirianni, Enrico Euron, Les Nuages Ensemble, Materdea) mescola il suo violino al cajon e alle percussioni di Cosimo De Nola (batterista in Materdea, Briandamage, Six-Point Lead, MedleInItaly) e alla chitarra del giovane talento Davide Ciardo (già nei Nerovinile)

    Elisabetta Bosio: violino 

    Davide Ciardo: chitarra 

    Cosimo De Nola: cajon e percussioni

     
  • 13 AGOSTO
    SAUZE D’OULX
    ORE 16.00
    “MUSIC IN THE STREETS”: DINO PELISSERO TRIO, IRISH COFFEES TRIO

    Le strade del centro storico di Sauze d’Oulx diventano lo scenario di un pomeriggio di musica…in strada. Un percorso musicale punteggiato da 3 luoghi musicali, 3 postazioni artistiche per 2 originali concerti.
    THE IRISH COFFEES TRIO
    Ritorna il Trio capitanato da Elisabetta Bosio, stavolta con un repertorio incentrato sulla tradizione musicale irlandese e scozzese.
    DINO PELISSERO TRIO
    Flautista, polistrumentista (kalimba,sanza,mbira,tin wistle,indian flûte, piccola Cora, sinth ed elettronica), compositore, musicoterapeuta di scuola indiana, Dino Pelissero è uno straordinario rappresentante della scena jazz e fusion torinese ed italiana. Dalle collaborazioni negli anni ’80 a Londra con Dick Hekstall-Smith e con il maestro indiano Sri Vemu Mukunda, alle attuali con Pino Russo, Giulio Camarca, Flavio Boltro, Nunzio Barbieri, Dino Pelissero è musicista sempre pronto alla sperimentazione e il suo Trio in scena il 13 agosto non farà accezione. Sarà un concerto-spettacolo che spazierà infatti tra il jazz ed il funky, la fusion e le musiche etniche africane e asiatiche, con intriganti contaminazioni con l’elettronica.
    Dino Pelissero: flauto
    Umberto Cariota: basso elettrico.
    Andrea Roletto: chitarra.

    Alle due performance si unirà una terza postazione a sorpresa: un originale DJ set “flash mob” che vedrà i musicisti interagire e improvvisare dal vivo con i brani proposti dalla consolle del DJ.

  • 15 AGOSTO
    SPORTINIA (SAUZE D’OULX)
    ORE 11.30
    GRANDE CONCERTO DI FERRAGOSTO DELL’UNIONE DEI COMUNI OLIMPICI DELLA VIA LATTEA
    ROBERTO VECCHIONI


    Un “Professore” ad alta quota: è Roberto Vecchioni l’Artista scelto per l’ormai classico Grande Concerto di Ferragosto delle Montagne Olimpiche. Il concerto che, dal 2010, porta ai 2.000 metri di Sportinia i più grandi protagonisti della musica italiana (Antonella Ruggiero, Nicola Piovani, Enrico Ruggeri, Eugenio Finardi, Malika Ayane, ecc.), in collaborazione con il Comune di Sauze d’Oulx e l’Unione dei Comuni Olimpici della Via Lattea.

    ROBERTO VECCHIONI è uno dei cantautori italiani più noti, popolari ed amati: il suo pubblico copre tre generazioni di fan, appassionati ascoltatori delle parole e delle melodie dell’artista milanese. Oltre 45 anni di poesia, ironia graffiante, brani memorabili e successi iniziati nel 1971 con la celeberrima “Luci a San Siro” e proseguiti poi negli anni ’70 con “L’uomo che si gioca il cielo a dadi” e “Samarcanda”. Negli anni ’90 ottiene un clamoroso successo commerciale con il brano “Voglio una donna”, brano che vince il Festivalbar come canzone più ascoltata dell’anno. Esplora con successo sonorità nuove e diverse (jazz e musica classica) con cui contamina la sua sempre brillante produzione musicale.
    Nel 2011 partecipa e stravince al Festival di Sanremo con la canzone “Chiamami ancora amore” che dà il titolo all’omonimo album. Vince anche il premio “Mia Martini” della critica e quello della sala stampa.
    L’8 ottobre 2013, Roberto Vecchioni torna con un nuovo album “Io non appartengo più”, pubblicato da Universal Music: 12 brani inediti; il 30 Gennaio 2015 l’album viene certificato “Disco d’Oro” dalla Federazione Industria Musicale Italiana.
    Nel marzo 2015 recita come attore nel film di Castellitto: “Nessuno si salva da solo”.
    A gennaio 2016 entra a far parte della giuria della cinquantaquattresima edizione del Premio Campiello.
    “Il professore” (Roberto Vecchioni ha insegnato effettivamente per anni latino e greco al liceo classico) è anche scrittore di successo: è infatti autore di libri e saggi e collabora con articoli di fondo e commento per i più importanti giornali italiani.

    INFO PER IL CONCERTO
    Come raggiungere Sportinia
    Sportinia si raggiunge sia a piedi, sia con la seggiovia Jouvenceaux-Sportinia. L’accesso in auto è possibile ma non particolarmente consigliato nel giorno del concerto: in ogni caso la strada per Sportinia sarà chiusa ai mezzi motorizzati dal parcheggio di Pian della Rocca dalle ore 10.00 alle ore 12.30.
    I biglietti per la seggiovia si potranno acquistare in prevendita presso l’Ufficio del Turismo di Sauze d’Oulx (telefono: 0122.858009) nei giorni precedenti il Concertone.
    Orario
    Il Concerto è gratuito e avrà inizio alle 11:30.

  • GIOVEDI 17 AGOSTO
    KATIA ZUNINO
    PALAZZO DELLE FESTE DI BARDONECCHIA
    ORE 21:00

     

    www.bardonecchiarp.eu


    Vincitrice di numerosi concorsi internazionali ed innovativa ricercatrice di arpaterapia, Katia Zunino da anni si dedica alla didattica e all’insegnamento della tecnica sull’arpa antica, irlandese e scozzese tenendo corsi di musica in tutta Europa.
    La sua attività concertistica la vede protagonista nei più prestigiosi teatri italiani (Teatro Regio Torino, Carlo Felice di Genova, Teatro alla Scala e il Teatro Filodrammatici di Milano, Mole Vanvitelliana di Ancona, Rocca Costanza di Pesaro), in molte rassegne (“Piemonte in musica”, “Immaginario Celtico”, “Arie di mare”, “Musica nei castelli” in Liguria, Antiqua con l’Accademia del Ricercare, “Tastar de corda”, ecc.) e in altrettanti Festival come Celtica, Triskell, Celtival, Montelago Celtic Festival, Ennis Trad Festival in Irlanda, Irish Music Festival di Tesserete (CH) e molti altri. Le sue esibizioni sono state applaudite dal pubblico e lodate dalla critica in Italia, Svizzera, Francia, Irlanda, Germania, Scozia: luoghi in cui Katia si è esibita in varie formazioni.

  •  

    VENERDI 18 AGOSTO
    ARIANNA SAVALL E PETTER UDLAND JOHANSEN (HIRUNDO MARIS)
    PALAZZO DELLE FESTE DI BARDONECCHIA
    ORE 21:00

    www.bardonecchiarp.eu 


    La spagnola Arianna Savall, figlia due giganti della musica europea quali Jordi Savall e Montserrat Figueras, forma con il norvegese Petter Udland Johansen un’affiatato duo nella vita e sul palco. Con lui crea infatti il il complesso Hirundo Maris, specializzato in musica antica e nuova creazione musicale. Il nucleo creativo è costituito dalla fusione di musica mediterranea e nordica, frutto di un ampio lavoro di collaborazione e di studio. In questo affascinante progetto si ritrovano le strade del mare e la musica che fin da tempi remoti uniscono i paesi scandinavi alla penisola iberica.
    Arianna Savall e Petter Udland Johansen propongono un viaggio musicale attraverso il tempo e lo spazio. Melodie dalla tradizione (Sefardita, Catalana, Spagnola, Celtica e Norvegese) si fondono a composizioni personali, dando vita ad un universo a se di suono e poesia.
    Hirundo Maris ha calcato i palcoscenici dei maggiori festival mondiali, tra i quali il Stanser Musiktage (Svizzera), Cologne Fest für Alte Musik, the Jazz in Church Festival di Bucarest (Romania), il Menuhin Festival Gstaad (Svizzera), il Bachwochen Thun (Svizzera), the Styriarte Festival (Austria), All’Improvviso Festival (Polonia), Oslo Kirkemusikk Festivalen, Nordlysfestivalen (Northern Lights Festival) di Tromsø (Norvegia), il Festival de Dinan (Bretagna), Seduced by Harps (Belgio), il Sentmenat International Harp Festival (Catalogna), the Arp Sanati Dergi Festival in Istanbul (Turchia), il Festival de Fontfroide and Philippe Maillard Productions (Parigi). Recentemente hanno tenuto una applauditissima serie di concerti a Hong Kong e Singapore.

     

  • SABATO 19 AGOSTO
    DIMITRI BOEKHOORN
    PALAZZO DELLE FESTE DI BARDONECCHIA
    ORE 21:00

    www.bardonecchiarp.eu

    Olandese di nascita ma ormai Bretone di adozione, Dimitri Broekhoorn è uno dei più rilevanti esperti europei di cultura e musica celtica. Grande studioso ed esecutore della musica tradizionale delle nazioni celtiche (Irlanda, Scozia, Bretagna, Galles) così come della musica medievale e rinascimentale, Dimitri dal 1988 propone con successo anche delle proprie composizioni. Il suo stile, con un peculiare uso delle unghie sulle corde di metallo, è un'affascinante ibridazione di antico e moderno, di leggerezza e risonanza.
    Partecipa come docente ai più importanti festival europei: i Rencontres Internationales de Harpe Celtique di Dinan, il Festival Interceltique de Lorient, l’International Harp Festival di Edimburgo, i Festival di Porto e Vevey,  il   Festival Medievale di Largentière, il Festival di Folkwoods, il Festival Itinéraire baroquedu Périgord. Tiene abitualmente concerti in Irlanda, Regno Unito, Olanda, Belgio, Francia, Svizzera, Austria, Germania, Spagna, Portogallo, Italia.



GLI SCENARI


 

IL GRAN BOSCO DI SALBERTRAND

IL GRAN BOSCO DI SALBERTRAND

"MUSIC IN THE WOODS", 12 AGOSTO

Oltre 600 specie vegetali censite ed una fauna tra le più ricche dell'arco alpino: 70 specie di uccelli nidificanti e 21 specie di mammiferi, tra le quali dominano cervi, caprioli e camosci.Il Gran Bosco di Salbertrand è natura, ma anche cultura materiale (l'Ecomuseo Colombano Romean).

SAUZE D’OULX

SAUZE D’OULX

"MUSIC IN THE STREETS", 13 AGOSTO

Sauze d’Oulx, ai suoi 1508 metri sul livello del mare è il “balcone delle Alpi”. Punto di partenza per affascinanti escursioni nella natura, è anche un pezzo di storia di "archeologia del turismo": la Colonia FIAT attiva dagli anni '30 agli anni '80 del XX secolo trasformò completamente il paese, dando inizio alla sua vocazione turistica.

SPORTINIA

SPORTINIA

ROBERTO VECCHIONI, 15 AGOSTO

Sportinia, ovvero dove è nato lo sci in Italia. In estate: un’oasi di natura, un balcone sulle Alpi, punto di partenza e di arrivo per affascinanti passeggiate ed escursioni.
Sportinia è raggiungibile da Sauze d’Oulx in auto, in seggiovia o a piedi: queste ultime due saranno, il giorno del concerto, decisamente preferibili.

BARDONECCHIA

BARDONECCHIA

BARDONECCHIARP FESTIVAL, 16-20 AGOSTO

Bardonecchia, la "Perla delle Alpi": un luogo in cui convivono natura, storia, cultura. Verso la sua ampia conca convergono quattro valli, con i loro quattro torrenti. Da qui è passata - letteralmente - la storia d'Italia: il Traforo ferroviario del Frejus fu una delle opere ingegneristiche più importanti e rivoluzionarie di tutto il XIX secolo.

Partners

Partners